Iphone come interfono per moto: ridiamo vita al nostro vecchio telefono

L’interfono può essere un dispositivo molto costoso, non alla portata di tutti. Ripiegare su un walkie talkie può essere una soluzione. Ma perché comprare altri dispositivi quando in casa si ha un iphone funzionante che spesso ci si porta dietro in sella alla propria moto?

Sia gli uni che gli altri sono dispositivi che permettono la comunicazione verbale diretta fra due persone senza l’ausilio di una linea telefonica. Per questa ragione trasmittente e ricevente devono trovarsi a una distanza che permetta loro di interfacciarsi, quindi entro un certo limite geografico.

Perchè un walkie talkie e perchè un interfono?

La differenza principale fra i due consiste essenzialmente sulla modalità di conversazione, nei walkie talkie si comunica mediante l’invio di messaggi vocali in “Push to Talk” che consentono ai partecipanti alla discussione di parlare uno alla volta mentre negli interfono la comunicazione può sovrapporsi come al telefono, senza quindi attendere che il nostro interlocutore abbia completato l’invio del suo messaggio.

Se ne deduce che mentre nel walkie talkie bisogna agire su un pulsante per iniziare a parlare e rilasciarlo alla fine del messaggio, nell’interfono la conversazione ha luogo in maniera più continua, libera e naturale. Questo permette non solo di comunicare più facilmente e rapidamente, ma anche di mantenere libere le mani per tutta la durata della conversazione.

Il campo delle applicazioni di un walkie talkie è quindi più ristretto ma continua a essere il sistema di comunicazione preferito in situazioni in cui la connessione fra i due dispositivi non permette di disporre di una larghezza di banda tale da garantire un flusso di dati più consistente come invece avviene in un sistema di interfono, così come l’interfono è più adatto a impieghi che richiedono mani libere e connessione vocale continua per monitoraggio e sorveglianza o anche più semplicemente per intrattenere lunghe conversazioni.

Vantaggi della funzionalità di interfono in un iPhone

Dopo aver visto come utilizzare uno smartphone come modem andiamo a scoprire un altro modo per riciclare un vecchio Iphone per dargli nuova vita: rendere l’iphone un interfono per moto

Per sua natura, l’iPhone possiede già di suo tutte le caratteristiche hardware di un interfono in quanto è dotato di microfono, altoparlante ed è un dispositivo ricetrasmittente che non si limita alle semplici connessioni su rete telefonica cellulare in quanto consente di essere riconosciuto e, quindi, di accedere ad altre reti di comunicazione come una rete Bluetooth, una rete Wi-Fi o tramite Wi-Fi Direct, un nuovo sistema di connessione diretta fra due dispositivi che hanno questa funzionalità.

Da ciò consegue che un iPhone dà l’opportunità di poter comunicare con altri utenti anch’essi dotati di iPhone senza usare la linea telefonica all’aperto, oppure in casa, in ufficio, in fabbrica, a scuola o, perchè no, quando si è in viaggio e si ha l’esigenza di tenersi in contatto voce come, ad esempio, durante escursioni in gruppo o più semplicemente in moto. In quest’ultimo caso, all’iPhone dovremo aggiungere un dispositivo auricolare, meglio se Bluetooth originale Apple, per conversare al cento per cento a mani libere. I colleghi di latuamoto.com ci hanno segnalato però che usare l’iphone come interfono per moto è controproducente senza cuffiette o altri altoparlanti da inserire direttamente nel casco.

Dovete sempre tenere conto della velocità a cui state viaggiando: il vento infatti crea un effetto distorsivo, non facendovi sentire quello che vi viene cercato di dire dall’altra parte dell’interfono. A volte, come riportato, un interfono anche di categoria low cost può essere una migliore soluzione. Inserire l’interfono all’interno del casco è assolutamente da sconsigliare per questioni di sicurezza.

Tornando ai lati positivi, questa volta però non più in sella alle nostre due ruote, un ulteriore impiego molto utile dell’interfono ottenibile dall’iPhone è quello del baby monitor; in questo caso dovremo disporre di due iPhone, uno dei quali verrà posizionato nella cameretta del nostro bambino e che svolgerà quindi la funzione di monitor, permettendoci di ascoltare tutto da un’altra stanza tramite l’altro iPhone. In alternativa ci sono i baby monitor tradizionali: anche in questi casi spesso più economici e funzionali, sopratutto per quanto riguarda la durata della batteria.

Come trasformare un iPhone in interfono

Come già detto, l’iPhone possiede già i requisiti hardware per svolgere la funzione di interfono per cui quello che ci serve è semplicemente l’installazione di un’app (applicazione) che andrà a gestire tutte le operazioni di connessione e di conversazione in modalità interfono, applicazione che naturalmente andrà installata su tutti gli iPhone che andranno a partecipare alle conversazioni perchè tutti i dispositivi devono utilizzare la medesima app per interfacciarsi e non app diverse.

Un’ottima app che funziona molto bene su iPhone è iMoto Intercom, è facilmente scaricabile da AppStore, richiede iOS 3.1 o versioni successive e anche se non è gratuita il suo prezzo è comunque molto più conveniente rispetto all’acquisto di un interfono, senza contare che potremo far tutto senza portarci dietro due dispositivi visto che l’iPhone svolgerà contemporaneamente le funzioni di interfono e quelle tipiche di uno smartphone di ultima generazione.

Attualmente il prezzo per registrare e utilizzare l’app Intercom oscilla fra 1,5 e 2 euro circa, cifra accessibilissima per tutti, specialmente per chi può già permettersi di possedere un iPhone.

Caratteristiche e funzionamento dell’app Intercom su iPhone

Una volta installata e attivata, Intercom funziona anche in assenza di connessione a Internet tramite Bluetooth oppure mediante Wi-Fi in modalità Hotspot. La funzione Hotspot è quella che permette di configurare il nostro iPhone come se fosse un router connesso a Internet, molto utile per condividere con altri smartphone un’unica connessione a Internet tramite Provider, chiaramente con addebito del traffico sull’utenza del dispositivo che viene configurato come Hotspot.

La connessione in Wi-Fi con Hotspot permette di tenere conversazioni a due oppure di gruppo, mettendo quindi in comunicazione fra di loro più telefoni contemporaneamente. Ovviamente la conversazione avviene se i dispositivi partecipanti alla conversazione si trovano entro un raggio massimo di 20 metri e in assenza di barriere fisiche o di campi elettromagnetici che ostacolino o disturbino la trasmissione e la ricezione, ma il vantaggio è quello che la conservazione non ha limiti di durata ed è totalmente gratuita.

L’app iMoto Intercom possiede anche una funzione molto utile e soprattutto molto gradita ai motociclisti, ai quali si raccomanda l’uso di caschi con auricolari e microfono incorporati, si tratta della riconnessione automatica in caso di subentro di una chiamata telefonica durante l’uso in modalità interfono. In pratica l’interfono viene interrotto in caso di una chiamata in arrivo. Altre app simili prevedono solo la riconnessione manuale a fine chiamata, in Intercom questa può invece essere impostata affinché l’iPhone torni a funzionare da interfono una volta conclusa la telefonata.

I vantaggi dell’app iMoto Intercom per iPhone in breve

  • Qualità audio eccellente
  • Basta aggiungere auricolari e microfono originali Apple per usarla alla guida;
  • Comunicazione spontanea, è come parlare al telefono;
  • Funzione “one click” per l’attivazione automatica del Bluetooth;
  • Riconnessione automatica alla fine di una chiamata in arrivo (consigliabile però usare l’interfono in modalità “aereo”);
  • Distanza fra i dispositivi fino a 20 metri;
  • Non compromette la durata della batteria;
  • Utile per sessioni di scuola guida o di guida sportiva fra conducente e istruttore;
  • Interfaccia gradevole e intuitiva, con grafica ad alta definizione che supporta display Retina;
  • Disponibilità in versione multilingue: italiano, inglese, tedesco, francese e spagnolo.