Piscina interrata: come scegliere? 

Tutti vorrebbero avere nel loro giardino una piscina interrata, un vero e proprio sogno ad occhi aperti, un angolo dove potersi rilassare quando si cerca un po’ di privacy e di tranquillità con la famiglia, con gli amici o da soli. Le piscine interrate permettono di migliorare l’estetica del giardino, rendendo la casa più esclusiva ed addirittura aumentandone di non poco il valore. Bisogna quindi tenere conto sia dell’elemento estetico che dei costi complessivi necessari per la realizzazione di una piscina interrata.

Se la piscina interrata è il sogno di un grandissimo numero di persone, quando arriva il momento in cui la si può avere spesso c’è un po’ di confusione sui vari modelli che esistono e che possono essere implementati.

Come scegliere la migliore piscina interrata? Ne esistono davvero di tantissime tipologie diverse, costruite con tecniche e materiali differenti che hanno un impatto sia sui costi finali che sulle tecniche di personalizzazione che si possono utilizzare. Per questo motivo è bene cercare di valutare con cura quali sono i pro ed i contro delle varie tipologie di piscine interrate e scegliere quella che meglio rispecchia le proprie esigenze.

Scegliere il modello di piscina interrata

Nella scelta del modello migliore bisogna sì considerare il budget, ma non solo: infatti la piscina deve essere anche di buona qualità e resistente nel tempo, e bisogna tenere conto delle possibilità di personalizzazione che i materiali offrono. Ecco i modelli migliori di piscina interrata:

  • Piscina in casseri EPS. La piscina con casseri di polistirolo espanso è sicuramente la migliore soluzione alternativa a quella in cemento armato. In sostanza viene edificata usando casseri di polistirolo che vengono armati con una rete di metallo, e consente un’installazione più rapida e veloce ed anche un risparmio sulla manodopera. Si tratta di una soluzione eccellente per chi cerca una bella piscina interrata con un certo risparmio. Tuttavia, non c’è grandissima possibilità di personalizzazione, ad esempio le forme arrotondate e tonde sono più complesse da ottenere rispetto ad altri modelli.
  • La piscina interrata in cemento armato. Forse si tratta della più classica delle piscine interrate, ma richiede necessariamente l’intervento di una ditta altamente specializzata nella loro realizzazione, perché richiedono un livello di precisione nel dettaglio molto alto. La piscina interrata in cemento armato ha un costo superiore rispetto ad altri modelli perché richiede lavori più complessi, ma è completamente personalizzabile, ad esempio si possono ottenere tantissime forme diverse e tantissime colorazioni e rivestimenti.
  • Piscina in vetroresina. Si tratta di una soluzione molto versatile, dato che anche questa piscina interrata consente di ottenere forme e colori diversi, tuttavia i costi sono alti perché la piscina di vetroresina viene trasportata a destinazione in un blocco unico (a meno che sia molto grande) e i costi aumentano. La vasca viene adagiata nello scavo e quindi la realizzazione è veloce. Si possono ottenere tantissime forme e la possibilità di personalizzazione è davvero alta, ma i costi non sono bassi.
  • Piscina in pannelli d’acciaio. Si tratta di una piscina interrata con una base in pannelli d’acciaio spessi circa 15 cm, che possono essere dritti o inclinati. Consente una buona possibilità di personalizzazione e i costi, tutto sommati, sono abbastanza contenuti rispetto ad altre categorie di piscine.

 

Personalizzare la piscina interrata

 

Dopo che avete letto l’articolo per avere un’idea sulle varie tipologia di piscine interrate, potete anche pensare alle possibilità di personalizzazione della vostra piscina interrata. Per esempio, è possibile installare un sistema che riscalda l’acqua per poter fare il bagno anche nelle giornate meno calde oppure in primavera e autunno, o installare un sistema di illuminazione magari colorato o una zona idromassaggio in un punto particolare della piscina interrata.