La depurazione delle acque reflue e il problema dell’inquinamento

Il problema dell’inquinamento idrico è un esigenza, sempre più sentita dalla nostra società.

Le fonti che precedentemente assicuravano il rifornimento di acqua non solo risultano insufficienti, ma per via dell’inquinamento vengono rese quasi del tutto inutilizzabili.

In passato il problema degli scarichi industriali e urbani non preoccupava più di tanto, ma oggi con tutti i problemi che la nostra società deve affrontare, il trattamento e la depurazione delle acque reflue assume un importanza davvero elevata.

È un’operazione necessaria, che viene condotta con tecniche diverse a seconda della tipologia di trattamento e delle finalità che si vogliono raggiungere:

  • Acqua potabile
  • Acqua per usi igienici
  • Acqua da impiegare nell’irrigazione dei campi agricoli
  • Acqua per usi industriali

L’inquinamento dell’acqua è così elevato perché le acque reflue domestiche e industriali vengono emesse in libertà senza nessun tipo di trattamento di depurazione, nei bacini idrici, nel sottosuolo e in mare.

Un’affermazione che possiamo dare per vera è che le acque luride municipali hanno una  composizione molto simile a quella degli scarti industriali, causa delle sostanze chimiche che vengono usate a livello domestico.

Quali potrebbe essere le soluzioni al problema dell’inquinamento delle acque reflue

Per risolvere il problema del recupero acque reflue sono in corso diversi studi con lo scopo di trovare altri giacimenti di acqua e scoprire nuove tecniche per il trattamento e la depurazione della acque reflue e per limitare i danni di inquinamento che avviene durante lo scarico dei rifiuti.

Si sta progettando anche di poter rendere utilizzabili acque che per composizione o localizzazione non lo sono , questo ultimo progetto sta acquisendo un’elevata importanza sempre maggiore in quanto potrebbe risolvere il problema della dissalazione di acque di mare o salmastre e con risultati più che buoni sia in fattore economico che nella qualità.

La depurazione delle acque destinate ad uso civili è definita da trattamenti connessi e alle varie tecniche per renderla potabile.

Acque reflue: prospettive e metodologie del trattamento

Non ci sono dubbi a riguardo : le acque reflue sono una risorsa per il futuro.

Ovviamente potranno diventare una vera risorsa nel momento in cui verranno trattate e depurate, allora si che saranno una fonte preziosa di acque dolce e di altre materie prime la cui domanda è in costante crescita.

La tesi è supportata dal rapporto ONU che pone un obbiettivo: dimezzare la quantità delle acque reflue non trattate e aumentare il riutilizzo entro un breve periodo.

È un traguardo ambizioso che in Italia è in evitabile la sua espansione che coinvolgerà anche le aziende in grado di fornire dei componenti adatti all’impiego.

Il processo di depurazione delle acque reflue e i vantaggi che porta

Lo scopo principale dei processi per la depurazione delle acque reflue è quello di massimizzare l’efficacia dei processi naturali, definiti anche come processi di auto depurazione dei vari corsi d’acqua.

Un impianto di trattamento delle acque reflue viene progettato per conseguire i seguenti scopi:

  • Proteggere la salute pubblica
  • Proteggere le forniture di acqua pubblica
  • Proteggere la vita acquatica
  • Preservare gli utilizzi specifici delle acque
  • Proteggere i territori

Il trattamento delle acque reflue come accennato prima sussiste in una serie di passaggi per rendere l’acqua reflua riutilizzabile, i passaggi principali sono:

  • Trattamento preliminare:

Questo primo processo consiste nella rimozione di materiali all’interno dei liquami che potrebbero danneggiare gli impianti.

  • Trattamento primario:

Rimozione dei solidi sedimentali e flocculabili

  • Trattamento secondario:

Rimozione della richiesta di biochimica di ossigeno, le sostanze organiche vengono in solidi stabili.

  • Trattamento avanzato delle acque reflue:

Utilizzo di processi fisici, chimici e biologici che servono per la rimozione del BOD5, dei solidi e dei nutrienti.

  • Disinfezione:

Rimozione dei microorganismi per eliminare o ridurre la contaminazione quando il flusso viene scaricato.

  • Trattamento dei fanghi:

Quest’ultimo processo stabilizza i solidi rimossi dalle acque reflue durante il trattamento, disattivando gli organismi patogeni e riducendo al minimo il volume del fango.